Hyperversum

E la Terra si fermò in un punto preciso: è la Storia e non più un gioco.
D

aniel è un asso nel videogame Hyperversum, che gli consente di vivere avventure virtuali 3D nella Storia e in particolare nel Medioevo. Il suo amico fraterno Ian è dottorando in storia medievale e, al rientro da un soggiorno di studi in Francia, non perde l’occasione per giocare con Daniel al loro videogame preferito.

Davanti allo schermo non sono soli: ci sono il piccolo Martin, Jodie, la ragazza di Daniel, e, collegati da un altro computer, Carl e Donna. Mentre vivono la loro avventura virtuale nel XIII secolo, i ragazzi vengono sorpresi da una tempesta che li tramortisce e si ritrovano in Fiandra, nel bel mezzo della guerra che vede contrapposti Francia e Inghilterra, Impero e Papato.

Si apre per loro una nuova vita. Nuove strade, un nuovo amore…

Premio Insula Romana 2007
D

aniel is a 22 year old with a burning passion for Hyperversum, an on-line video game, which carries his imagination back into history. During his stints submerged in virtual reality, he has learned how to be the perfect Medieval man, and how to use his wits to win all levels of the game. Ian is a PhD graduate in Medieval History. He became a member of Daniel’s family when his parents died and has been with them ever since. On one holiday break from his study vacation in France, Ian goes to visit his foster family for dinner and, naturally, for a game of his favourite videogame with his friend Daniel.

They are not on their own in front of the screen: there is also young Martin, Jodie – Daniel’s girlfriend – and Carl and Donna. While enacting their virtual adventure in The Middle Ages, a storm takes the kids by surprise: Daniel, Jodie, Ian and Martin find themselves in Flanders, in the middle of a war between France and England.

A new life unfurls; new roads and a new love.

Giunti Editore

2006

test-h
Hyperversum
2006

“Se tu potessi conoscere il futuro, questo sarebbe già scritto e se fosse già scritto, tu non potresti cambiarlo” considerò Isabeau.
Ian rimase colpito dall’osservazione. […] Sospirò e chiuse gli occhi per un attimo. Quella vicenda assurda gli dava le vertigini ogni volta che ci ripensava.

test-h
Hyperversum
2006

“Jean è mio fratello e io lo amo nonostante tutto, ma dama Isabeau è per me una figlia: non esiterei a uccidere chiunque la facesse soffrire, si trattasse pure del mio stesso fratello. Dovessi vederla piangere per lui, farei di lei la sua vedova senza rimpianti”

test-h
Hyperversum
2006

“Splendida” ammise Daniel, indicando la miniatura. “Peccato che non sia reale.”
“È stata reale prima di tutti noi” lo corresse Ian. “Siamo solo nati ottocento anni troppo tardi per poterla incontrare.”

INFORMATIVA - Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". NON USA cookie di profilazione. Cliccando su ACCETTO, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera senza modificare le impostazioni dei cookie sul tuo browser, acconsenti all’uso dei cookie. Se invece vuoi saperne di più e leggere come disabilitare l'uso dei cookie, vai alla pagina COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi